LE NOSTRE RIVISTE SPECIALIZZATE

Mondosport
mercoledì 1 novembre 2017
Passione motori: le migliori auto per neopatentati

Quello della maggiore età è un traguardo molto importante nella vita di ognuno. E lo è per diversi motivi, a partire dalla possibilità di prendere la patente e, quindi, di guidare l’auto e diventare, finalmente, autonomi sotto il punto di vista della mobilità.
La scelta dell’auto da comprare per i neopatentati, però, non è affatto semplice. Se in passato, infatti, l’unico scoglio da superare per poter dare libero sfogo alla passione per le quattro ruote consisteva nel conseguire la patente, da febbraio 2011 per i neopatentati vigono stringenti limitazioni legate alle caratteristiche tecniche dei veicoli. Secondo l’articolo 117 del Codice della Strada, infatti, durante il primo anno dal superamento dell’esame non è consentita la guida di auto aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/tonnellata (75 cv/1.000 kg). Intendendo per tara la massa a vuoto del mezzo cui aggiungere 75 kg, peso convenzionalmente attribuito al conducente. Ai veicoli di categoria M1 (progettati e costruiti per il trasporto di persone, aventi al massimo otto posti oltre al sedile del guidatore) si applica inoltre il limite assoluto di 70 kW (95 cv). In estrema sintesi, qualora condotta da neopatentati la vettura non può eccedere né il rapporto peso/potenza di 75 cv/1.000 kg né, in ogni caso, i 95 cv.
Quali sono, quindi, le migliori auto per neopatentati?
La scelta non è mai facile, soprattutto quando di mezzo ci sono giovani che per forza di cose non possono avere molta esperienza alla guida. I genitori, in genere, optano sempre per l’acquisto di un’auto usata, ma in ottime condizioni. Non è raro, ad esempio, il fatto di vedere papà che contattano i compro auto usate per liberarsi dell’auto più vecchia ed in pessime condizioni, in modo da racimolare una minima parte di denaro da reinvestire nell’acquisto di un’auto più recente.

L’Alfa Romeo Mito


Per chi ha una buona possibilità economica, una delle vetture migliori per i neopatentati è l’Alfa Romeo Mito. Questo perchè si tratta di una vettura facile da guidare, senza rischi, grazie all’avantreno rapido in inserimento e alle sospensioni non troppo cedevoli e la tendenza al sottosterzo contenuta. Disponibile sia nella versione Diesel che Benzina, il prezzo va dai 16 mila euro ai 19.250 euro.

La Citroen C4 Cactus


Altra auto molto interessante per i neopatentati è il crossover francese Citroen C4 Cactus. La plancia si avvale di un’interfaccia 100% digitale e la maggioranza delle opzioni viene affidata al display touchscreen a colori da 7 pollici al vertice della consolle, che permette di gestire climatizzazione, multimedialità, funzioni audio, navigazione, telefono, connettività e assistenza alla guida. Un punto in più per i giovani che amano il connubio motori – tecnologia.

Dacia Duster


Da sorpresa a certezza, il passo è stato breve per la Dacia Duster. Disponibile per i neopatentati esclusivamente a trazione anteriore – le 4WD sono riservate allo step da 110 cv del 1.5 td – adotta una trasmissione manuale a 6 rapporti dalla I molto corta, quasi una ridotta. Il peso è contenuto in 1.337 kg, cui consegue un rapporto peso/potenza di 14,9 kg/cv. Un valore accettabile considerando la mole della vettura che, rispetto al precedente modello, può contare su di una plancia e un quadro strumenti dal layout più moderno.

La Kia Picanto


Per chi cerca un’auto piccola, maneggevole e sicura, non può non prendere in considerazione la Kia Picanto. Una city car moderna e originale, con un bagagliaio abbastanza capiente. La Picanto adotta un 3 cilindri 1.0 12V a benzina da 66 cv e 95 Nm di coppia – omologato Euro 6 – abbinato a un cambio manuale a 5 rapporti. Un binomio che porta in dote uno scatto da 0 a 100 km/h in 14,6 secondi, una velocità massima di 158 km/h e una percorrenza media di 22,2 km/l.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,625 sec.

Inserire almeno 4 caratteri

SporTrentino.it è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trento (aut. n. 1.250 del 20.04.2005) e curata da PegasoMedia srl