SporTrentino.it
Pallamano

Fadanelli e Sontacchi ancora in azzurro sognando il Mondiale

Nicola Fadanelli e Gabriele Sontacchi, rispettivamente classe 2002 e 2003, sono ormai due elementi fissi delle nazionali giovanili, oltre che della prima squadra di Serie A Beretta della Pallamano Pressano Cassa di Trento. Da ormai tre anni i due Under 19 figurano stabilmente in maglia azzurra. Un percorso fatto di talento ed impegno che doveva fiorire la scorsa estate con gli Europei U18 in Slovenia, prima rinviati e poi annullati.

Sfumata la rara e prestigiosa occasione di giocare un Europeo di fascia “A”, l’obiettivo ora è diventato ancor più pesante per gli azzurrini che fra Natale e Capodanno hanno svolto un raduno di allenamento presso il Centro Federale di Chieti: nel mirino c’è infatti la qualificazione ai Mondiali Under 19 di Grecia 2021.
Sotto la guida del tecnico Boris Popovic, i due giovani di Pressano hanno vestito la maglia azzurra dopo tanti mesi.
«Nonostante il Covid-19 – commentano all’unisono i due atleti – vivere la nazionale ha sempre il sapore di un ritorno alla normalità. Abbiamo lavorato sotto ogni aspetto e lo faremo con frequenza sempre maggiore; ormai questo gruppo è come una famiglia».
Quattro mesi o poco meno per giungere all’appuntamento fin qui più importante per questa nazionale e, se dovessero essere convocati, anche per i due talenti gialloneri in azzurro. Dal 30 aprile al 2 maggio infatti in Austria si giocherà un torneo spareggio di qualificazione al Mondiale con Italia, Austria, Russia ed Israele; girone all’italiana a 4 squadre, le prime due volano alla manifestazione per il trofeo iridato.
«Saranno avversari decisamente di alto livello, – sottolinea Fadanelli – ma noi venderemo cara la pelle e siamo assolutamente decisi a qualificarci»
Una qualificazione che avrebbe contorni storici in un torneo che vale doppio: le due squadre che falliranno il pass per i Mondiali (3^ e 4^ del raggruppamento) retrocedono pure nella fascia “B” delle competizioni europee per il biennio successivo. Sulle spalle degli azzurrini quindi un fardello di fondamentale importanza per il futuro della pallamano italiana.
«C’è una voglia incredibile di conquistare questo obiettivo – risponde questa volta Gabriele Sontacchi – Siamo a conoscenza dell’importanza della posta in palio e questo sarà per noi motivo di stimolo nei mesi a venire».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,391 sec.