SporTrentino.it
Pallamano

Il portiere Loizos rinnova con Pressano fino al 2023

La porta della Pallamano Pressano Cassa di Trento parlerà greco fino alla stagione 2022/2023. Il sodalizio trentino del Presidente Lamberto Giongo ha già cominciato a gettare le basi per il futuro, nonostante la prima stagione segnata dal COVID sia appena al giro di boa: la società ed il portiere greco Nikos Loizos hanno infatti deciso di prolungare il rapporto per altre due stagioni.

Giunto a Pressano in estate per sostituire dopo 10 anni Valerio Sampaolo, il portiere ellenico non ha avuto dubbi. «In questi sei mesi a Pressano ho trovato un club organizzato – commenta Loizos – professionale ed in crescita costante da molti anni e questo si percepisce molto nell’aria. Mi sono trovato subito nelle condizioni di fare l’atleta in maniera eccellente, al momento della proposta ho accettato senza dubbi».
Ad inizio stagione, Loizos ha ereditato la pesante eredità dell’ex estremo difensore Sampaolo, dimostrando un livello eccezionale fra i pali gialloneri: «Sapere di restare in giallonero per altri due anni – continua il portiere greco – mi rende ancora più determinato. Questa squadra ha molto talento, un potenziale incredibile: sono sicuro che lavorando raggiungeremo tutti gli obiettivi prefissati».
Obiettivi che il club ha saputo modellare in concerto con la guida tecnica di Alessandro Fusina: la pandemia ha stravolto gli equilibri e Pressano ha colto la palla al balzo, ripartendo da un’ottica diversa e pluriennale che sta comunque già regalando soddisfazioni. «La cosa più importante che ho trovato qui – afferma Nikos – è la coesione dello spogliatoio; siamo tutti molto amici, come una famiglia e questo e l’elemento più importante per poi rendere sul campo. Inoltre la combinazione fra giovani di grande talento come quelli in squadra e giocatori di esperienza è perfetta, si lavora in armonia».
Assieme al proprio vice Simone Facchinelli, Nikos Loizos sta contribuendo ad un traguardo passato in sordina ma molto importante: Pressano chiuderà l’andata con una delle 3 migliori difese del campionato, merito degli estremi difensori e di una retroguardia arcigna. «L’obiettivo deve comunque essere sempre quello di migliorare – conclude il portiere – Bisogna sempre avere ambizione e fare meglio partita dopo partita; sono certo che a Pressano ci riusciremo, con l’aiuto dei nostri tifosi e di tutta la comunità che ho visto molto presente ed unita».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,406 sec.