SporTrentino.it
Mondosport

Giro d’Italia, due tappe attraverseranno il Trentino

Nel corso di questi due anni, segnati dai lockdown, molte persone hanno rivisto i loro hobby e le loro passioni, avvicinandosi a nuovi mondi. Questo è il caso dei casinò online che hanno conquistato il cuore delle persone, portando in espansione questo settore. Sono molte le ricerche di chi vuole informazioni in più per giocare gratuitamente. Infatti c’è chi gioca alle slot gratis su slotjava.it.
Grande risalto l’ha avuto anche lo sport, con migliaia di tifosi che sono ritornati a guardare in tv i grandi eventi sportivi, tra questi il Giro d’Italia. Nella composizione dell’evento del Bel paese c’è una novità importante: il Giro d'Italia quest'anno vedrà protagonista la Valsugana.
Il Trentino avrà due tappe in questo Giro d’Italia: la numero 17 e 18, che daranno un apporto importante alla competizione. Ecco alcune info utili: l'arrivo a Lavarone da Ponte di Legno il 25 maggio 2022 e la partenza il giorno successivo da Borgo Valsugana verso Treviso.
Ecco quindi che nel tratto trentino, dal Passo del Tonale l’evento attraverserà la Val di Sole e la parte di Val di Non che porta fino alla piana Rotaliana, risalirà poi a Segonzano e scenderà in Valsugana. Sarà una sfida molto impegnativa per i corridori, che si ritroveranno ad affrontare due salite durissime, determinanti per la vittoria finale, visto che le due tappe sono nella settimana finale del Giro: il passo del Compet a Vetriolo e Monterovere, con la strada del Menador, dove si prevedono stacchi importanti tra i partecipanti prima dell’arrivo a Lavarone.
Nota da ricordare: l'ultimo Giro d’Italia che aveva toccato la Valsugana risale al 1988; dopo 34 anni, dunque, di nuovo una bella sfida.
A tal proposito ha parlato il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti: «Siamo felici ed orgogliosi che i nostri territori siano coinvolti in questo importantissimo appuntamento sportivo. Si tratta di tappe impegnative, che sotto l’aspetto ambientale e turistico presentano tante peculiarità che uniscono sport e vocazione territoriale. Richiedono sicuramente uno sforzo organizzativo da parte di tutto il sistema Trentino, ma questo non ci coglie impreparati, siamo pronti ad accompagnare il Giro d'Italia in questa sfida e vogliamo farlo al meglio, anche dal punto di vista dell'ospitalità e dell'accoglienza agli sportivi, ai loro accompagnatori e al pubblico che vorrà essere presente».
Menzionando il passaggio a Sega di Ala, che ha fatto scoprire uno scorcio poco conosciuto del Trentino, Fugatti ha ricordato che il territorio ha tanti luoghi da esplorare e le tappe 2022 possono essere l'occasione adatta per farli conoscere agli spettatori: «Deve esserci però la volontà del territorio. Dall'inizio e fino alla conclusione di questo percorso il messaggio che vorrei far passare è quello di un territorio che lavora congiuntamente perché la tappa possa riuscire ed emerga l’unità di tutte le amministrazioni comunali, dal Tonale a Lavarone, fino a Borgo Valsugana» ha aggiunto il presidente.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,422 sec.