SporTrentino.it
Mondosport

Ludopatia, un demone vestito da pecora

Per alcune persone il gioco smette di essere tale e diventa invece ragion d’essere. La vita di un ludopatico è caratterizzata da una profonda ossessione per il gioco d’azzardo. Tutto il resto perde ogni valore. Il lavoro, le relazioni e persino i bisogni umani fondamentali, come il cibo e l'alloggio, passano in secondo piano rispetto al gioco d'azzardo.
Per il ludopatico il gioco d'azzardo non è una questione di vincere o perdere. È il brivido dell'assunzione del rischio, l'emozione di essere sul filo del rasoio. È una dipendenza che non può mai essere saziata. L'unica cosa che conta è la prossima scommessa, la prossima mano, il prossimo giro di ruota. Ma c'è un modo per evitare di cadere nel tranello della ludopatia. Ed è giocare responsabilmente. Italia casino offrono la possibilità di impostare limiti di gioco per il tuo conto. Se sai di non poterti trattenere, forzarti di mettere un tetto settimanale alle tue giocate diventa una vera e propria salvezza.
La ludopatia può essere una condizione debilitante, ma chi ne soffre può imparare a vivere una vita soddisfacente col giusto aiuto.

Riconoscere la Ludopatia

La ludopatia è una condizione rara e poco conosciuta. Per chi ne soffre, il gioco d'azzardo è un bisogno compulsivo che non può mai essere soddisfatto. Diventa un buco nero che risucchia tutto quello intorno al malato, che avrà in mente sempre e solo una cosa: la prossima giocata.
Non è semplice da riconoscere, specie perché i suoi effetti diventano palesi solo quando ormai è troppo tardi. Le prime volte può sembrare un’innocua attrazione per il gioco d’azzardo. Ma in realtà è una bestia che prende possesso della mente del malato, e che ha bisogno di sempre più sacrifici per soddisfare la propria fame.
Non tutti i ludopatici sono uguali, e non tutti soffrono ogni sintomo. Ma se dimostrano svariati comportamenti tipici di un ludopatico, allora dovresti stare molto attento. Potresti salvare la loro vita.
Ecco alcuni segni tipici di un ludopatico:

  • Spesso si assentano da scuola/lavoro per giocare
  • Spendono tutto fino all’ultimo centesimo, spesso rimanendo senza alcun soldo per altre cose importanti come il cibo o i trasporti
  • Mentono spudoratamente su quanto giocano, sia in termini di tempo che di denaro
  • Non si fanno problemi a chiedere prestiti per continuare a giocare, mentendo però sulle motivazioni
  • Hanno perso interesse nelle relazioni personali, quello che conta è la prossima giocata
  • Sono spesso distratti, perché si stanno immaginando davanti al loro gioco preferito
  • Mostrano evidenti segni di depressione — la ludopatia colpisce più facilmente le persone con problemi di questo tipo.

Come sempre, una persona che mostra solo uno o due dei sintomi qua sopra probabilmente non è ludopatica. Ma può star cominciando a sviluppare questa malattia.
Sarebbe il caso di tenerli sott’occhio. Invece qualcuno che mostra tanti di questi sintomi è già nel tunnel.
Vediamo cosa puoi fare per aiutare una persona affetta da ludopatia.

Combattere la Ludopatia

Prima di cominciare a discutere il da farsi, vediamo quanto è effettivamente grande il problema. Nel 2015, i malati del gioco erano 900.000. Un numero cresciuto a 1,3 milioni nel 2019. Un ritmo di circa 100.000 persone l’anno. E di questi, pochissimi si fanno curare.
È ancora presente un forte stigma sociale nei confronti di questa malattia, il che la rende ancora più pericolosa. In pochissimi hanno il coraggio di ammettere di avere un problema per paura delle ripercussioni sociali.
Ci sono 3 principali metodi usati per combattere questa malattia una volta diagnosticata:

Terapia
Se stai cercando un modo efficace per affrontare la dipendenza dal gioco d'azzardo, la terapia cognitivo-comportamentale o il trattamento comportamentale possono essere utili. La terapia comportamentale insegna le tecniche per diminuire la voglia di giocare d'azzardo esponendo il comportamento che si vuole fermare.
La terapia cognitivo-comportamentale si concentra sull'identificazione di idee sbagliate, illogiche e negative e sulla loro sostituzione con idee valide e positive.

Medicine
Gli antidepressivi e gli stabilizzatori dell'umore possono essere utilizzati per trattare le condizioni che spesso accompagnano il gioco d'azzardo compulsivo, come la depressione, il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) o l'ADHD. Gli antidepressivi possono aiutare le persone che desiderano smettere di giocare. I farmaci chiamati antagonisti dei narcotici, utilizzati per il trattamento della dipendenza da sostanze, possono aiutare nel trattamento del gioco compulsivo.

Gruppi di auto-aiuto
Questi gruppi seguono lo stesso principio di funzionamento degli alcolisti anonimi. Le persone parlando dei propri problemi ad altri affetti dalla stessa condizione. Un esempio di gruppo di auto-aiuto è Giocatori Anonimi.

La ludopatia è un problema serio che può avere conseguenze devastanti sia per l'individuo che per la società nel suo complesso. Se voi o qualcuno che conoscete sta lottando contro la ludopatia, cercate immediatamente aiuto. Con una diagnosi e un trattamento tempestivi, è possibile superare questo disturbo e condurre una vita felice e sana.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.