SporTrentino.it
Mondosport

Serie A 2022/23: chi vincerà lo scudetto?

L'ultimo campionato ha incorato il Milan Campione d'Italia, per la prima volta negli ultimi undici anni. I rossoneri sono riusciti a sconfiggere i rivali cittadini dell'Inter e per molti versi questo successo è stato una sorpresa. I nerazzurri erano infatti considerati il club favorito, visto il loro precedente successo, mentre la Juventus ha faticato a rimanere al passo con le altre grandi in vetta alla classifica. Provando a fare qualche previsione sulla prossima stagione, è probabile che la lotta finale vedrà protagoniste ancora queste tre squadre, salvo sorprese.
La stagione 2022/23 si preannuncia a dir poco unica: il calcio di alto livello si fermerà per sei settimane per consentire lo svolgimento del Mondiale. Benché la nazionale italiana non sarà tra le squadre partecipanti, il torneo interesserà ugualmente le principali squadre di Serie A, in quanto diversi giocatori che militano in questi club vestiranno la maglia della propria nazionale in Qatar. In questo articolo proveremo ad analizzare quali saranno i club favoriti per la vittoria dello scudetto, anche se molto dipenderà da chi gestirà al meglio il finale di stagione dopo questo inconsueto Mondiale giocato durante il campionato.

Inter: favorita dai bookmaker, ma in cerca di nuove idee
Non stentiamo a credere che l'Inter sia la squadra preferita dagli scommettitori su maximumcasinos.com. In termini di qualità, il club nerazzurro ha sicuramente qualcosa in più rispetto agli avversari, ma non dimentichiamo che era così anche nella stagione 2021/22. Una grande novità attesa per l'estate è il ritorno dell'attaccante belga Romelu Lukaku, in prestito dal Chelsea. A Londra ha fatto fatica a raggiungere la condizione ideale, tanto da essere accantonato a fine stagione, pur rimanendo uno dei migliori attaccanti in circolazione in Europa. Senza Lukaku, l'Inter affiderà il reparto avanzato in gran parte a Lautaro Martinez, visto che per Alexis Sánchez e Edin Dzeko è sempre più vicino il momento di appendere le scarpette al chiodo.

Milan: riuscirà a riconfermarsi Campione d'Italia?
Stefano Pioli ha sicuramente molti meriti nella vittoria del Milan. Già allenatore dell'Inter e sollevato dall'incarico dopo meno di una stagione, il tecnico non ha costruito il successo rossonero dall'oggi al domani, ma ha dato forma nel tempo a una squadra in grado di attaccare con efficacia; grazie al costante miglioramento della squadra, il Milan è riuscito a guadagnare un secondo e un primo posto negli ultimi due campionati. Il successo dell'anno scorso non è stato un semplice colpo di fortuna, ma il club dovrebbe iniziare a fare meno affidamento sulle prestazioni di Olivier Giroud in attacco, che tra non molto spegnerà 36 candeline. Analogamente all'altro versante milanese, anche il Milan potrebbe giovare in fase offensiva di un attaccante belga, con Divock Origi presto in arrivo al club rossonero.

Juventus: Allegri può farcela di nuovo?
Se andiamo indietro di qualche anno, viene difficile riuscire a immaginare la Juventus lontana dalla vetta della Serie A, soprattutto dopo i cinque scudetti vinti sotto la guida di Massimiliano Allegri. È stato proprio dopo l'ultimo di questa serie vittoriosa che il tecnico livornese ha deciso di andarsene da Torino, un cambiamento dal quale il club bianconero ha faticato a riprendersi. È stato poi il momento di Maurizio Sarri, alla guida della Juventus per una stagione, ma incapace di imporre il proprio sistema di gioco, poi sostituito a gran sorpresa da Andrea Pirlo, alla sua prima esperienza come allenatore. In quest'ultimo caso, l'esperienza si è rivelata ancora meno felice.
Ne è passato di tempo dal periodo di grandi successi firmati Allegri e la partenza di Giorgio Chiellini segnerà un'importante rottura con il passato. Se Allegri riuscirà a riportare la stessa diligenza difensiva della sua prima esperienza alla guida del club bianconero, allora il talento in attacco di Dusan Vlahovic e Federico Chiesa sarà fondamentale nella corsa verso quel titolo che manca in casa Juve ormai da diverso tempo.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.