SporTrentino.it
Tennistavolo

Giornata nera per il tennis tavolo di casa nostra

La quarta giornata dei campionati nazionali di tennis tavolo, è andata in archivio con il segno negativo, per le nostre formazioni. È stata infatti caratterizzata dalla sconfitta casalinga del Ts Service Lavis, che tra le mura amiche, ha cozzato contro la corazzata Prato, e da quella esterna del Besenello in terra veneta contro il San Bartolomeo Color di Venezia per 5-2. Commentare due sconfitte con questi passivi è molto difficile, ma entrambe le formazioni hanno delle attenuanti generiche a loro discolpa.
In B1 il Lavis, ha affrontato i toscani del Prato, tra le cui fila c'è un certo Adeyemo Fatai, pongista che ha disputato quattro campionati del mondo e due Olimpiadi, e che ancor oggi, alla tenera età di 53 anni, è il numero 17 d'Italia, ed ha il 100% di score in B1 dopo quattro turni.
Se poi ci si aggiunge il --2 di Sergey Kakorin, che normalmente chiude con +2 e così tutto è risultato più difficile, mettendo l'incontro nelle mani dei pratesi, che hanno ringraziato e portato a casa due punti in classifica ed hanno raggiunto quota quattro.
Una sconfitta, che non ha pregiudicato nulla, classifica corta, il duo di testa guida a 6 punti, le inseguitrici ne hanno 4. Campionato strano ed equilibrato, per ora non c'è una squadra ammazza campionato.
In B2, il Besenello in quel di Salzano (Venezia), ha subito la quarta sconfitta di fila. Il 5-2 finale, ha ribadito che il solo a tenere la categoria è Jacopo Endrizzi, più 2 per lui, che anche Leonardo, potrebbe starci bene, se non avesse una serie di problemi fisici, che lo tengono lontano dalla miglior forma, e che Luca Aldrighetti e Giuliano Moratelli dovrebbero conquistare il punto sul terzo giocatore dell'altra formazione.
Con una sola delle tre condizioni tutto risulta insormontabile, ed il cammino per i lagarini in B2, sarà solo un modo per far fare esperienza ai due fratelli Endrizzi.
La C1 nazionale, non è stata da meno rispetto ai campionati maggiori. Tre sconfitte ed una vittoria, questo verdetto della quarta di andata. Hanno perso il Mezzolombardo in terra bresciana per 5-2 contro il Benaco. Note liete Mattia Michelon e Stefan Stefanovic. Ha perso il Villazzano "B", privo della sua pedina fondamentale, Andrea Galler, assente a causa di una grande perdita familiare, contro il Bressanone, ha perso la Dolomatic Lavis contro il Villazzano "A" per 5-3.
Per i lavisani la sconfitta in casa è costata la vetta della classifica e si spera non mini la convinzione di centrare l'obiettivo promozione, sfuggito nella scorsa stagione.
Ad onore del vero, molti incontri sono finiti alla bella, ed il crocevia per decretare uno o l'altro vincitore, è stato molto labile. Il Villazzano, ha tra le sue fila Manganelli e il “Mesa”, che quando in giornata, possono far male, stona il -3 di Luca Michelon, ma molto vicino a vincere contro Nicola Alessandrini, ed il -2 di Alessandro Frianu. È tornato ai suoi livelli Salvatore Ferraro più 2 per lui.
In C2 maschile è il Mezzolombardo a dettare legge, se nessuno dei giocatori che compongono questa rosa (Gasser e  Makinyan), salirà in C1, per le inseguitrici resteranno solo le briciole.
In D1, dopo quattro giornate a condurre le danze, è l'Arco B (Bianchini, Mosna, Bonanno e Bigaran), qui l'equilibrio regna, e per gli arcensi portare a casa la promozione, sarà più dura e piena di insidie.
In D2, dopo tante magagne fisiche, è tornato a calcare i parquet Enrico Capuano, e si è visto, perché è bastata la sua presenza per dare al suo Lavis la prima vittoria, e rifilare un 5-0 al Cles, 2 punti messi a segno dal giocatore trentino.
Qui la lotta si è ristretta a due contendenti, San Giuseppe di Rovereto e Besenello.
I primi, hanno staccato la terza forza, il Bolghera, per 5-0. Il Besenello si è sbarazzato del Villazzano "E" per 5-1. 

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,75 sec.