SporTrentino.it
Tennistavolo

Tre medaglie d'argento dai tornei del fine settimana

Tre medaglie d’argento, questo è il pesante bottino conquistato nell’ultimo fine settimana dai giocatori trentini impegnati nei tornei organizzati sul territorio nazionale.
Gli acuti sono arrivati, da due “veterani”, impegnati a Bolzano, dove è andata in scena la seconda prova, ovvero da Maxim Moiseev, giocatore del Tennis Tavolo Lavis, che ha conquistato il secondo posto nella categoria 40/50, e dal più “vecchietto” Andrea Galler del Villazzano, nella categoria 50/60. La terza medaglia, dello stesso colore, è arrivata dal forte e giovanissimo pongista del Besenello, Jacopo Endrizzi. Il giocatore lagarino, a Cortemaggiore, in provincia di Piacenza, ha dovuto arrendersi in finale, al solo Matteo Mutti.
Nella città emiliana, si è giocato il 3° torneo predeterminato giovanile, dove erano concentrati, il fior fiore delle eccellenze giovanili. Folta la pattuglia trentina, oltre all’argento di Jacopo, da segnalare il passaggio del girone nel Singolo Femminile Giovanissimi di Carlotta Endrizzi del Besenello, fermata nella fase eliminatoria da Elena Thai Kim Lan e le buone prestazioni di Stefania Demonte tra le ragazze, del Villazzano, di Daniel Morellato e di Luca Mina Necula del San Rocco di Rovereto, tra i ragazzi. Nel Singolo Femminile Allievi Antonella Andreata, dopo aver superato il girone come seconda forza, si è fermata al primo scoglio della fase eliminatoria.
Ma andiamo con ordine, e vediamo il percorso dei tre atleti che li ha portati ad un passo dal vincere la medaglia dal color più scuro, l’oro.

Il “veterano” Maxim, entrato da poco nella prima fascia d’età, quella dei 40/50, ha dovuto vedersela con giocatori di pari livello, e c’è voluta tutta la sua classe e forza di tecnica e di tattica, per arrivare alle soglie del gradino più alto del podio.
Vinto il girone, senza particolari problemi, nel tabellone principale, ha dovuto subito remare contro il forte difensore altoatesino Egon Bertignol. Equilibrio durato due set, inserita la quinta Max, nel terzo e nel quarto, a Bertignol, ha concesso 9 punti.
Più semplice, la semifinale, giocata contro il numero 332 d’Italia il ligure Simone Giuliani, un 3-0 secco e perentorio. In finale, ad aspettarlo, Fabio Mantegazza, numero uno del tabellone e 55 delle classifiche nazionali. Ha vinto l’aostano, ma Moiseev, ha tenuto per quattro set, mollando solo al quinto.
Da segnalare la partecipazione di Daniele Pivetta del San Giuseppe di Rovereto e dei due lavisani Marcello Dorigatti e Paolo Debiasi. Per loro, il torneo, si è arenato nel gironcino.
Altro risultato di prestigio è arrivato da Andrea Galler, che nella fascia d’età superiore, 50/60, ha dovuto ammainare bandiera bianca, solo di fronte a Roberto Giontella, il girovago, ed eclettico giocatore aostano, classe ’56, e numero 76 delle classifiche, ha avuto la meglio di Andrea in tre set. Nulla ha potuto, il forte difensore trentino, di fronte agli attacchi di Giontella.
Anche qui parecchi i veterani che si sono recati in terra altoatesina, ma, per i vari Bottura, D’Orazio e Michelon, l'avventura è finita nel girone. Chi lo ha superato, per poi fermarsi al primo vero intoppo del tabellone principale, è stato Pier Paolo Botteon, del Villazzano. “Botic”, per gli amici, ha passato il primo turno con la x, per poi essere fermato da Marcianò nei quarti.
Da Bolzano a Cortemaggiore, dall’Alto Adige all’Emilia Romagna, per parlare della terza medaglia, ma dello stesso colore, e forse quella con qualche rammarico.
Jacopo Endrizzi, ha perso in finale degli allievi con un “certo “Matteo Mutti, ma alla fine, la sensazione è stata di essere stato vicino ad un sogno che poteva trasformarsi in realtà. Jacopo per come si sta esprimendo in questo periodo tra campionato di B2 e tornei, meritava la vittoria, proprio a sigillare un periodo d’oro.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,828 sec.