SporTrentino.it
Tennistavolo

Con un 5-0 al Redentore il Lavis è matematicamente salvo

Ultimo fine settimana intenso per il movimento pongistico trentino, che ha visto la disputa della sesta giornata di ritorno dei campionati nazionali e regionali, e delle prove assolute veterani e terza categoria. Andando in ordine cronologico, sabato, si sono giocati gli incontri validi per la sesta giornata. È stato un turno positivo per le nostre squadre, che hanno ottenuto successi importanti in chiave salvezza.
In B1 maschile, gli uomini del Presidente Michelon, erano impegnati in casa contro i patavini del Redentore 1971. Il Ts Service Lavis, era chiamato a vincere per chiudere la pratica salvezza, ed arrivare allo scontro contro il Modena, senza l’assillo di doversi giocare un campionato in casa degli emiliani.
E così, è stato, Max e soci, hanno inflitto un 5-0 come all’andata, troppo il gap tra i due sodalizi. Dunque, salvezza acquisita con un turno d’anticipo e l’anno prossimo, il trentino, potrà schierare per il secondo anno consecutivo una formazione in B1 nazionale.
In B2, tutti aspettavano la prima vittoria stagionale del Besenello, vista la crescita dei due Endrizzi ed anche di Luca Aldrighetti e Giuliano Moratelli. Ed il successo è arrivato con una delle formazioni nobili della B2, i patavini del Redentore 1971. È stata una vittoria di squadra ed in rimonta, i trentini dopo la prima rotazione si sono trovati sotto 2-1, ci ha pensato Leo a portare il punto che ha dato il là a Jacopo e Giuliano per dare un passivo di 4-0 ai lagarini e portare a casa un successo dal sapore agro-dolce.
In C1, due squadre al comando dopo la sesta di ritorno Villazzano e Lavis, con i primi che hanno già finito le loro fatiche avendo giocato e vinto il derby con il Villazzano.
Al Lavis, sabato basterà vincere con i cugini del Mezzolombardo, per staccare quel tagliando verso la B2, scappato di mano nella passata stagione.
In C2, i giochi al vertice sono già definiti da un pezzo, col passaggio alla C1 del Mezzolombardo, in coda grande bagarre che vede coinvolte quattro formazioni.
La D1, è l’unico campionato regionale che deve emettere ancora i suoi verdetti, con l’Arco candidato principale ad andare in C2, mentre, in coda, Villazzano e Maso Finistere, hanno tracciato un solco insormontabile tra loro e l’Oratorio Perginese, terz’ultima forza della D1.
Sabato, in D2, col San Giuseppe già promosso in D1, è successo di tutto e di più. A Rovereto, il Besenello si giocava le ultime possibilità per restare attaccato al carro del secondo posto appannaggio del Bolghera.
Il San Giuseppe privo di Mercurio, poteva essere una ghiotta occasione per i lagarini per acciuffare in extremis i bolgheroti, ed invece, i roveretani, hanno sfoderato una prestazione super, con il capitano Stefano Graziola, capace di realizzare una tripla, che ha stroncato loro, ogni velleità residua di promozione.
Dal 3-1 a favore del Besenello, gli uomini capitanati da Stefano Graziola, hanno inflitto un pesante 4-0, che ha chiuso l’incontro sul 5-3 a favore dei padroni di casa.
Besenello che si sarà mangiato le mani posteriori avendo saputo dell’esito dell’incontro disputato a Trento, nel derby cittadino, tra il Bolghera ed Villazzano.
Match, che ha avuto un epilogo a sorpresa, vista la defezione di Sergio Marinelli, con il Villazzano, che si è imposto per 5-2.
Sabato ci sarà di fronte l’incontro tra il Besenello ed il Bolghera, i lagarini per agguantare il secondo posto dovranno vincere per 5-1, in caso contrario, in caso di risultato diverso, sarà la formazione di Francesco Montermini, a staccare il biglietto verso la D1.
Per quanto riguarda le prove assolute relative alle categorie terza e veterani, Andrea Galler del Villazzano è stato il mattatore assoluto essendosele aggiudicate entrambe.
Tra i terza categoria, ha battuto in una finale durata cinque tiratissimi set, Jacopo Endrizzi del Besenello, nella categoria veterani, ha avuto la meglio su Mauro Brigo del Besenello.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,812 sec.