SporTrentino.it
Mondosport

Calciatori laureati, ecco chi sono

Non solo piedi buoni: sono in attività alcuni calciatori che sono riusciti a vincere ogni pregiudizio secondo cui essere un calciatore di successo esclude la possibilità di coltivare altri interessi – specialmente intellettivi – fuori dal campo e hanno preso una laurea. Tra l’altro, risulta anche in crescita il numero dei calciatori dottori. Questa è la dimostrazione è che possibile, una volta terminato un allenamento o una gara, mettersi di impegno e studiare.
Siete curiosi di sapere i nomi? Tra i più celebri spicca quello di Giorgio Chiellini, ma anche Dries Mertens, Lorenzo De Silvestri, Angelo Ogbonna (nella foto), Yuyo Nagatomo e Robert Lewandrowski. Questi sono i calciatori che hanno scelto di trascorrere il loro tempo libero con il naso nei libri per sostenere esami di economia e giurisprudenza. Nel frattempo avrebbero potuto fare la bella vita come i loro compagni, non credete? Invece hanno deciso di investire non solo nei piedi ma anche nella testa, in particolare per quando appenderanno gli scarpini al chiodo.

In particolare, Chiellini vanta un bel 110 con lode in Business Administration all’Università di Torino, grazie a un lavoro basato sul modello di business della Juventus in un benchmark internazionale. Curiosità racconta che proprio il giorno dopo aver conseguito la laurea il colosso bianconero vada a segno nel 3-0 contro il Barcellona nei quarti di finale di andata di Champions League. Nella stessa città si è laureato anche il terzino gradata De Silvestri in Economia e Management dello sport. Saliamo di livello con Angelo Ogbonna, che ha conseguito un dottorato in Giurisprudenza, stesso titolo di studio del difensore di Lazio e Atalanta Guglielmo Stendardo, che ha superato anche l’esame per l’abilitazione all’avvocatura.
Dries Mertens, Robert Lewandowski, Yuto Nagatomo, Nigel de Jong e Glen Johnson, sono invece le altre nostre conoscenze straniere che hanno conseguito la laurea. Scienze Motorie per il folletto del Napoli, alloro accademico polacco in Educazione Fisica per il bomber del Bayern. A sfondi economici, invece, i titoli di studio per Nagatomo e de Jong, mentre l'inglese Johnson ha scelto matematica.
Anche negli annali del passato troviamo qualche calciatore laureato: tra tutti spicca il classe 1942 Lamberto Boranga, non solo è stato portiere di squadre come Fiorentina, Parma, Cesena e campione del mondo si salto in alto nella categoria over 70, aveva anche due lauree, una in medicina e una in biologia. Altra laurea in medicina per il brasiliano Socrates, che però non ha mai esercitato la professione, economia e commercio per Oliver Bierhoff e Giurisprudenza per Lionello Manfredonia, laurea cum laude in matematica per Jean-Alain Boumsong.
Se sei uno sportivo e pensi di dover abbandonare gli studi per dedicarti esclusivamente alla tua passione, quindi, hai tanti motivi per renderti conto di essere in errore. Certo, la fatica aumenterà di parecchio per conciliare studio e allenamenti. Un buon modo per riuscire ad incastrare tutti gli impegni potrebbe essere quello di prendere la laurea online: ad oggi sono tantissimi gli atenei riconosciuti dal Miur, come Unicusano. L’ateneo telematico ha il grande vantaggio della flessibilità: le lezioni si possono seguire ovunque, su qualunque supporto e orario, l’unica necessità è una connessione a internet! Per questo, si può conciliare lo studio con gli allenamenti intensi e con le trasferte, l’importante è organizzarsi.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,141 sec.